Home / Tipi di caffè / Caffè corretto, tradizione italiana

Caffè corretto, tradizione italiana

Caffè coretto

Sovente si definisce il caffè corretto, an italian beverage, descrivendolo come uno shot di caffè unito a un liquore a piacere, ed effettivamente non potremmo essere più d’accordo: L’idea di correggere il caffè con una goccia di liquore, e prettamente italiana.

Anche se il caffè corretto si può trovare nella tradizione dell’intera penisola, i modi di preparazione possono variare di regione in regione.

La ricetta originale, originaria dell’Italia settentrionale, prevede l’aggiunta di una dose di grappa a piacere nel caffè, prepararlo è semplicissimo, potrete scegliere tra lo ordinare un caffè lungo o ristretto che sia, non ci saranno problemi con l’aggiunta della grappa, è una volta uscito versare a piacimento, anche se è preferibile non superare i 5 ml di liquore, per non rovinare troppo la cremosità del caffè.

La grappa migliore per preparare il caffè corretto, è una grappa derivante da molti vitigni, perché, la grappa di un unico vitigno ha un sapore troppo coinciso che potrebbe non accompagnarsi bene con il caffè, mentre la grappa prodotta da più vitigni a un sapore più morbido e aromatico.

[Qui le offerte dedicate di Amazon per la Grappa]

Le varianti del caffè corretto sono innumerevoli, se al Nord, soprattutto in veneto, Friuli, Val d’Aosta e Lombardia il caffè si beve con la grappa, al sud nel Salento il caffè è corretto con l’anice, un liquore dal sapore simile alla sambuca, per il suo aroma fresco, questa tradizione, ha portato alcuni bar, come quelli della Gallipoli vecchia, l’adozione di una bottiglina di anice, legata sul bancone del bar, dove è possibile servirsi liberamente, della correzione.

Il caffè corretto si presta anche con altri liquori, il brandy, che unito al calore del caffè sprigiona un odore senza eguali, il Baileys (o crema di whisky), questo è di solito più gradito ai palati dolci, perché la crema di whisky essendo a base di panna zucchero e whisky addolcisce molto il sapore amaro del caffè.

Se invece volete un sapore più marcato, potete correggere il caffè con il rum o con il whiskey liscio, ottenendo così un caffè molto corposo e deciso.

Infine il caffè corretto che accomuna tutta l’Italia, è il caffè con la sambuca. L’unione del caffè con la sambuca dona un equilibrato gusto tra dolce e amaro, tra fresco e caldo, non solo la sambuca è usata per correggere il caffè ma anche il caffè è ottimo per ottenere un buon bicchiere di sambuca. Solitamente possiamo trovarla servita o con un chicco di caffè che galleggia nel bicchiere, o con polvere di caffè sulla superfice.

[Qui la sezione dedicata di Amazon alla Sambuca ]

Quante calorie ha un caffè corretto?

Se sono le calorie del caffè corretto a preoccuparvi, non fatelo, perché il caffè espresso amaro, ha solo nove calorie per cento grammi(in una tazzina ce ne vanno 30 all’incirca), ed è vero l’alcol è molto calorico, soprattutto i super alcolici, se prendiamo un classico caffè corretto con grappa, con circa 5g di alcol all’interno della tazzina non supereremmo le 35 calorie per caffè corretto, che in fondo non sono molte, quindi non abbiate paura è prendetelo senza troppi pensieri.

…meglio senza zucchero!

Inoltre il caffè corretto sarebbe meglio consumarlo senza zucchero perché questo, rovina la miscelazione tra il caffè e l’alcol, inoltre se proprio lo volete mettere, sciogliete lo zucchero nel caffè prima di correggerlo, perché al momento della correzione il caffè si raffredda non facendo sciogliere bene lo zucchero.

Liquore a temperatura ambiente

Un ultimo accorgimento per bere un caffè corretto, fatto bene è aggiungere il liquore sempre a temperatura ambiente, perché corretto con un liquore tenuto in frigorifero, distruggerebbe qualunque aroma del caffè.

Caffè corretto: i liquori da NON utilizzare

Se volete provare nuove combinazioni di caffè e liquore, non utilizzate liquori fruttati, al limone, con aromi all’arancio né vodka o gin, perché renderebbero il caffè nel caso dei liquori fruttati acido, nel caso dei super alcolici come gin e vodka, troppo amaro.

Caffè corretto: liquori migliori

Se vi state chiedendo quali sono i migliori  liquori che si possono sposare con il caffè sono tutti quei liquori ambrati, provenienti dalle vinacce, stagionati, con aromi definiti e non troppo incisivi.

Il caffè corretto, è nato nei paesi del nord Italia, per unire il caffè mattutino, a un alcolico che proteggesse i lavoratori, dal freddo pungente della neve, ma la sua bontà si è protratta alla fine in tutto il bel Paese, e si è trovato un posto fisso tra le preparazioni della caffetteria classica.

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *